Comitato cittadino
per la salvaguardia e valorizzazione
della Villa Romana del Casale

Sit-in di Legambiente contro il rischio di cementificazione

  Palermo, 18.09.2003

COMUNICATO STAMPA DEL COMITATO REGIONALE LEGAMBIENTE SUL SIT-IN DI GIORNO 19 SETTEMBRE, A PIAZZA ARMERINA, CONTRO IL RISCHIO DI CEMENTIFICAZIONE IN AREA ARCHEOLOGICA E LETTERA APERTA AL GENERALE ROBERTO CONFORTI, RESPONSABILE DELLA SPECIALE UNITA' DI CRISI ISTITUITA PER LA VILLA ROMANA DEL CASALE
 

COMITATO REGIONALE SICILIANO

SIT-IN ALLA VILLA ROMANA DEL CASALE VENERDI' 19 SETTEMBRE,  DALLE ORE 10.00 ALLE 13.00 PER PROTESTARE CONTRO IL RISCHIO CEMENTIFICAZIONE.

I MOSAICI PATRIMONIO DELL'UMANITA' SONO A RISCHIO, BISOGNA INTERVENIRE IMMEDIATAMENTE PER SALVAGUARDARE L'EFFETTO CROMATICO DELLE TESSERE.

L'INCURIA, L'ICOMPETENZA E I RIMPALLI BUROCRATICI, PARADOSSALMENTE, POSSONO RAPPRESENTARE UN RISCHIO MAGGIORE DEGLI ATTENTATI E DELL' ARCHEOMAFIA.

FRA LE VARIE MINACCE SI PROFILA ANCHE UN' ONDATA DI CEMENTIFICAZIONE IN AREA ARCHEOLOGICA.

URGE UNA POLITICA REGIONALE CHE SI TRADUCA IN INVESTIMENTI CONCRETI  COME PRESUPPOSTO ESSENZIALE DI UN SERIO PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE E RILANCIO DEL SITO.

Legambiente annuncia un sit in di protesta alla Villa Romana del Casale per denunciare il rischio di cementificazione in piena area archeologica. Venerdì 19 c.m., alle ore 10.00, nella giornata promossa da Legambiente in tutti i capoluoghi italiani per protestare contro l'ipotesi di condono edilizio previsto dal Governo Berlusconi, si accendono simbolicamente i riflettori su un Monumento che, oltre al progressivo degrado causato dall'incuria, ora è minacciato da un'ondata di cemento, che avverrebbe in deroga alle disposizioni previste dal vincolo archeologico. Il grido d'allarme è rivolto all'Unità di Crisi, di recente nomina dal governo regionale, guidata dal Generale Roberto Conforti, nel quale Legambiente ripone la massima fiducia e l'auspicio che il suo lavoro possa finalmente porre la parola fine al rimpallo di competenze che, in realtà, cela interessi contrapposti nella gestione del sito tra gli Enti a vario titolo coinvolti. Tra le questioni aperte, quella dei servizi aggiuntivi è certamente tra i nodi centrali, a cui si aggiungono gli interessi, pubblici e privati, legati ai PIT, agli espropri, all'annosa vicenda delle licenze agli ambulanti e alla gestione dell'Imperial, un vero ecomostro che, allo stato attuale, contribuisce solo al degrado ambientale dell'intera area, svolgendo un "servizio" solo ad interessi privati.

Il rischio paventato è che, se non si troverà una mediazione tra i vari Enti, apparirà quasi "necessario" edificare nuove strutture, con la conseguenza di un pregiudizio irreversibile ai danni della Villa. In tale contesto, il problema della tutela e della salvaguardia sembra quasi dimenticato e a farne le spese sono, ancora una volta, i mosaici, che rischiano un progressivo ed inesorabile degrado. Legambiente dice NO all'ipotesi di cementificazione inviando a tutti i componenti dell'unità di crisi, una documento dettagliato sull'intera vicenda, e, nella giornata scelta dall'associazione per difendere il patrimonio ambientale e monumentale da politiche dissennate, chiede provocatoriamente se, anche in questo caso, la logica della "sanatoria" prevarrà sull'interesse generale di tutela della "risorsa territorio".

L'UFFICIO STAMPA TEL 091/301663  338/2525659  329/5930962  338/6309278  335/5266341

E-MAIL legasici@gestelnet.it - piazzambiente@tiscali.it

Si allega il documento inviato ai componenti dell'Unità di Crisi.


LEGAMBIENTE - Comitato Regionale Siciliano
VIA AGRIGENTO, 67 
PALERMO
TEL. 091/301663 FAX 091/6264139 - 091/6264125
web: www.legambientesicilia.it    E-mail legasici@gestelnet.it

 

LEGAMBIENTE - Circolo Piazzambiente
VIA ITRIA, 47
PIAZZA ARMERINA
web: www.piazzambiente.it  E-mail piazzambiente@tiscali.it

 

 

indietro

torna su